saussurea

Escursioni Estive

Monte Bianco Il massiccio del Monte Bianco raggiunge la ragguardevole altezza di 4810 metri.

massiccio

Da sempre ha rappresentato una sfida irresistibile per tutti gli appassionati di montagna, che qui hanno compiuto le imprese più memorabili della storia dell’alpinismo. E’ possibile effettuare la traversata del Monte Bianco per mezzo di quella che è stata definita come l’ottava meraviglia del mondo: una funivia che parte da La Palud sale al Colle del Gigante ed a Punta Helbronner, poi raggiunge l’Aguille du Midi a quota 3842,  scende nella  Valle dell’Arve e  raggiunge quindi Chamonix. L’imponenza e la maestosità del massiccio del Monte Bianco sono costituite da una varietà di vette minori, con creste e contrafforti, tra le quali il Mont Maudit (4465 m.), il Mont Blanc du Tacul (4248 m.), il Dente del Gigante (4013 m.), le Grandes Jorasses con la Punta Margherita (4065 m.). Il ghiacciaio del Miage, nel settore occidentale del massiccio, lungo 8 chilometri è il più esteso del versante italiano. La denominazione “Monte Bianco” si deve nel 1742 ad uno dei primi alpinisti che, esplorati alcuni ghiacciai del massiccio montuoso fino ad allora chiamato “Mont-Maudit”, attribuì per la prima volta il nuovo nome al “gigante”. Esplorazioni e conquiste dalla metà del 1700 in avanti si susseguirono; il 31 luglio 1855 un gruppo di guide di Courmayeur raggiunse la vetta aprendo la prima via italiana. Alpinisti da ogni parte del mondo, oltre che illustri scienziati, letterati, artisti e pionieri, andavano a Courmayeur per vedere i “segreti della natura” che il Monte Bianco nascondeva. Furono l’avanguardia del moderno turismo che ne è poi seguito. La Società delle Guide Alpine di Courmayeur, nata nel maggio 1868, fu protagonista, con i suoi valenti uomini di imprese che sono scritte nella storia di un alpinismo fatto di enorme passione, grandi sacrifici ed entusiasmo sconfinato; sono ancora le Guide di Courmayeur, oggi, a firmare le imprese alpinistiche e sportive più rilevanti, oltre che svolgere il loro importante ruolo come esperti della montagna. Fondamentale l’opera svolta dal Soccorso Alpino Valdostano, presente al verificarsi di eventi dove necessitano perizia e preparazione tecnica per salvaguardare dai pericoli o per assistere e ricercare persone.